Nomi tipici

 

Tipici della tradizione napoletana e diffusi anche nel centro Italia, sono gli struffoli. È anche possibile selezionare uno dei link seguenti per ottenere la lista dei dieci, quindici venti cognomi più diffusi in un dato comune, in una data provincia in una data regione. Quelli che vi proponiamo sono tutti nomi femminili stranieri francesi , inglesi, spagnoli, tedeschi, arabi ecc.

Nomi Nell’archivio anagrafico sono presenti 13.500 differenti nomi propri di cui 7.500 circa femminili. Stesso discorso riguardo i nomi femminili: meno Maria, Rosalia Giuseppa, e via libera a Sofia, Giulia Giorgia. Tra i primi 10 nomi di donna più diffusi tra le nuove nate del 2012, poi, non c’è neanche una coincidenza con i nomi più diffusi tra le residenti.

Tutti gli altri nomi più diffusi tra i residenti della Sardegna, invece, cedono il passo nel 2012 a nomi più alla moda. Questi i nomi più diffusi in Friuli Venezia Giulia nel 2012. Tra i nomi maschili e Reggio Calabria l’unico scossone è quello di Andrea, che non risulta tra i primi 10 più diffusi tra i residenti, ma balza al secondo posto tra i nomi più diffusi tra quelli assegnati nei nati del 2012, ex aequo con Francesco (37) casi.

Primato anche per Maria anche se la classifica dei nomi femminili è più povera: su 1.157 Comuni, i sindaci donna sono appena 93, ossia l’8 per cento. I nomi alterati, lo dice la parola stessa, sono nomi modificati di significato. Cerca il nome giusto per il tuo bambino.Tutti i nomi biblici, maschili e femminili, di uso anche raro, effettivamente riscontrabili in Italia.

La Coldiretti ricorda che circa 8,3 milioni di italiani in vacanza acquistano prodotti alimentari tipici come souvenir. In alcuni casi, il genere interferisce con il numero : avremo quindi dei sostantivi maschili che, come l’uovo, danno al plurale le uova diventando così femminili. Servono per preparare i piatti tipici croati tipo goulash.

Il sito che ho citato non riporta gli elenchi completi, e allora ho dovuto prima costruirmi gli elenchi dei nomi; partendo dalle mie conoscenze, da vecchi elenchi di alunni, dai nomi più usati per i neonati negli ultimi anni, ho costruito due tabelle di nomi (maschili e femminili). Significa dall’Arcadia” (regione greca diventata mitologica). Forse a causa della fama degli uomini italiani come eccellenti amatori, la classifica dei nomi maschili più sexy del mondo parla quasi interamente italiano: in Top 1o troviamo anche un romanticissimo Romeo e, poco più in giù, anche Dante.

Nelle Marche sono stati analizzati i dati dei comuni di Macerata e Pesaro dai quali risulta una nuova ondata di nomi femminili nel 2012 (Giulia a Pesaro e Emma a Macerata scalzano il primato di Maria relegata fuori dai primi dieci nomi più diffusi) mentre è pari a zero la presenza di nomi come Paola e Francesca che pure figurano tra i primi cinque nella popolazione generale dei Comuni oggetto di analisi. Nei capoluoghi laziali, inoltre, sono i nomi femminili a subire maggiormente il fascino della moda nazionale: Giulia e Sofia sono sempre ai primi posti tra le nuove nascite del 2012. Ma l’appeal di questi nomi più classici perde forza se si considera la classifica dei nuovi nati del 2012: ai primi tre posti, tra i nomi più utilizzati, si piazzano Matteo e Leonardo (12 casi a testa), seguiti da Alessio (11).

E’ diffuso in tutta Italia e diventa ancora più comune in Campania. Alessandro(è terzo tra i nomi maschili più scelti, il primo è Andrea) ed è diffuso soprattutto nel nord della Sicilia. Nei nomi femminili c’è un nome, Maria, che aggrega il 14% della popolazione, un altro (Anna) con una forte percentuale e poi tutti gli altri con frequenze molto più basse.

Ad esempio una mia collega adesso abita a Empoli e viene presa in giro da tutti (fliglie comprese) se non si ricorda di omettere l’articolo davanti ai nomi femminili. L’utilizzo dell’articolo determinativo davanti ai nomi propri di persona è tipico del registro familiare in Italia settentrionale. Vediamo quali sono i cognomi tipici della provincia, quelli che hanno un’incidenza elevata sul totale dei casi nazionali.

Spesso in italiano gli accrescitivi dei nomi femminili vengono posti al maschile (casa; casone) per rinforzare l’accrescimento, la stessa cosa avviene spesso anche per i diminutivi (tasca; taschino).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *