Archives

Nomi tipici

 

Tipici della tradizione napoletana e diffusi anche nel centro Italia, sono gli struffoli. È anche possibile selezionare uno dei link seguenti per ottenere la lista dei dieci, quindici venti cognomi più diffusi in un dato comune, in una data provincia in una data regione. Quelli che vi proponiamo sono tutti nomi femminili stranieri francesi , inglesi, spagnoli, tedeschi, arabi ecc.

Nomi Nell’archivio anagrafico sono presenti 13.500 differenti nomi propri di cui 7.500 circa femminili. Stesso discorso riguardo i nomi femminili: meno Maria, Rosalia Giuseppa, e via libera a Sofia, Giulia Giorgia. Tra i primi 10 nomi di donna più diffusi tra le nuove nate del 2012, poi, non c’è neanche una coincidenza con i nomi più diffusi tra le residenti.

Tutti gli altri nomi più diffusi tra i residenti della Sardegna, invece, cedono il passo nel 2012 a nomi più alla moda. Questi i nomi più diffusi in Friuli Venezia Giulia nel 2012. Tra i nomi maschili e Reggio Calabria l’unico scossone è quello di Andrea, che non risulta tra i primi 10 più diffusi tra i residenti, ma balza al secondo posto tra i nomi più diffusi tra quelli assegnati nei nati del 2012, ex aequo con Francesco (37) casi.

Primato anche per Maria anche se la classifica dei nomi femminili è più povera: su 1.157 Comuni, i sindaci donna sono appena 93, ossia l’8 per cento. I nomi alterati, lo dice la parola stessa, sono nomi modificati di significato. Cerca il nome giusto per il tuo bambino.Tutti i nomi biblici, maschili e femminili, di uso anche raro, effettivamente riscontrabili in Italia.

La Coldiretti ricorda che circa 8,3 milioni di italiani in vacanza acquistano prodotti alimentari tipici come souvenir. In alcuni casi, il genere interferisce con il numero : avremo quindi dei sostantivi maschili che, come l’uovo, danno al plurale le uova diventando così femminili. Servono per preparare i piatti tipici croati tipo goulash.

Il sito che ho citato non riporta gli elenchi completi, e allora ho dovuto prima costruirmi gli elenchi dei nomi; partendo dalle mie conoscenze, da vecchi elenchi di alunni, dai nomi più usati per i neonati negli ultimi anni, ho costruito due tabelle di nomi (maschili e femminili). Significa dall’Arcadia” (regione greca diventata mitologica). Forse a causa della fama degli uomini italiani come eccellenti amatori, la classifica dei nomi maschili più sexy del mondo parla quasi interamente italiano: in Top 1o troviamo anche un romanticissimo Romeo e, poco più in giù, anche Dante.

Nelle Marche sono stati analizzati i dati dei comuni di Macerata e Pesaro dai quali risulta una nuova ondata di nomi femminili nel 2012 (Giulia a Pesaro e Emma a Macerata scalzano il primato di Maria relegata fuori dai primi dieci nomi più diffusi) mentre è pari a zero la presenza di nomi come Paola e Francesca che pure figurano tra i primi cinque nella popolazione generale dei Comuni oggetto di analisi. Nei capoluoghi laziali, inoltre, sono i nomi femminili a subire maggiormente il fascino della moda nazionale: Giulia e Sofia sono sempre ai primi posti tra le nuove nascite del 2012. Ma l’appeal di questi nomi più classici perde forza se si considera la classifica dei nuovi nati del 2012: ai primi tre posti, tra i nomi più utilizzati, si piazzano Matteo e Leonardo (12 casi a testa), seguiti da Alessio (11).

E’ diffuso in tutta Italia e diventa ancora più comune in Campania. Alessandro(è terzo tra i nomi maschili più scelti, il primo è Andrea) ed è diffuso soprattutto nel nord della Sicilia. Nei nomi femminili c’è un nome, Maria, che aggrega il 14% della popolazione, un altro (Anna) con una forte percentuale e poi tutti gli altri con frequenze molto più basse.

Ad esempio una mia collega adesso abita a Empoli e viene presa in giro da tutti (fliglie comprese) se non si ricorda di omettere l’articolo davanti ai nomi femminili. L’utilizzo dell’articolo determinativo davanti ai nomi propri di persona è tipico del registro familiare in Italia settentrionale. Vediamo quali sono i cognomi tipici della provincia, quelli che hanno un’incidenza elevata sul totale dei casi nazionali.

Spesso in italiano gli accrescitivi dei nomi femminili vengono posti al maschile (casa; casone) per rinforzare l’accrescimento, la stessa cosa avviene spesso anche per i diminutivi (tasca; taschino).

Storia d’Italia

Il 17 marzo mil ochocientos sesenta y uno Vittorio Emanuele II venne proclamato re d’Italia. Guicciardini, poi, non ha mai dato il titolo Storia d’Italia all’opera. Milano, diez gennaio dos mil quince – Entrare nelle pieghe della storia d’Italia. La storia dell’Italia unita inizia nel 1861 , dopo la proclamazione del Regno d’Italia unitario , in seguito alla quale la penisola italiana venne riunita in un único stato sovrano, autonomo ed indipendente.

Sul piano dei contenuti, l’orizzonte storico si amplia: non abbiamo più la storia di una singola città, ma per la prima volta si esamina a fondo tutta la storia d’Italia in un determinato periodo y también si tiene presente, nello stesso tempo, la storia europea, la politica internazionale. Pertanto il soggetto de ella Storia d’Italia non è l’Italia come unità política, ma gli avvenimenti svoltisi nella penisola italiana. Senti che Storia!” è un percorso avvincente y también motivante allá scoperta de ella storia d’Italia attraverso le canzoni che hanno segnato le epoche più significative, dall’Unità ai nostri giorni.

Storia d’Italia fu pubblicata in edizione parziale nel 1561 e poi completa nel 1564 a Venezia. Ripercorre la storia d’Italia dalla Seconda Guerra Mondiale ad oggi, attraverso il racconto de ella vita del protagonista, Mauro, e del suo gruppo di amici. LiberazioneItaliana.

Il Progetto, cofinanziato dalla Fondazione Cariplo y también realizzato in partnership con Fondazione Fratelli Alinari y también con il Dipartimento di Storia dell’Università degli Studi di Milano, ricostruisce la storia d’Italia attraverso la creazione di un sito web a libero accesso. Nella storia delle organizzazioni terroristiche italiane, tuttavia, ci sono state anche sigle molto meno note. Era una giornata umida e nebbiosa quella del dos maggio mil ochocientos quince quando nelle campagne tra Macerata e Tolentino si decidevano le sorti della storia d’Italia e d’Europa.

Realizzato attraverso una selezioni dei migliori materiali delle teche Rai, è un programma che ricorda gli anniversari della storia d’Italia che hanno contribuito a costruire l’identità del nostro Paese. La storia del Risorgimento viene narrata in uno degli edifici simbolo di quel periodo, che ha ospitato Cavour e Vittorio Emanuele II y también tanti altri personaggi importanti dell’Unità d’Italia. Gerhard Muhm: La tattica tedesca nella campagna d’Italia.

In occasione dell’anniversario per i 150 anni dell’Unità d’Italia è giunto il momento di tirar fupri la vera storia di come andarono le cose ciento cincuenta anni fa. I fatti narrati nella Storia d’Italia vanno dal mil cuatrocientos noventa y dos (anno de ella morte di L. il Agrando ) al mil quinientos treinta y cuatro (annno de ella morte di Clemente VII). Un racconto che parte dalle rivoluzioni del Settecento per giungere alla prima guerra mondiale, con cui ripassare” insieme la storia d’Italia e ammirare la splendida Camera dei Deputati, perfettamente conservata.

Infatti Odoacre decise di non nominarsi Imperatore romano, ma semplicemente Re d’Italia. Che questo paese ha una storia ufficiale che è un po’ come il Truman Espectáculo, un grande gioco di ruolo fatto per nascondere la storia vera. Da quando poi Emanuele F. I di Savoia spostò la capitale da Chambéry a Torino per meglio difendersi dagli attacchi nemici, la dinastia prese le redini della storia italiana mantenendo il dominio sul ducato prima y también sul Regno di Sardegna poi, fino alla unità d’Italia.

L’ Italia ha una storia tra le più ricche y también antiche del mondo. Ecco, la storia di un marchio popolare come Pirelli, y también la storia di un pezzo del nostro Paese, passa anche attraverso le forme de ella comunicazione utilizzate attraverso i decenni, ed entrate nella quotidianità del costume y también negli archivi de ella storia dell’arte, oltre che in quelli dell’azienda.